.

.

mercoledì 30 dicembre 2020

Torta baita di Natale

 

Una baita nel bosco e... è subito Natale!!

 

 

Ingr:

Per il Pan di Spagna:

5 uova
150 g di zucchero
135 g di farina
3 cucchiai di acqua calda
Buccia di limone grattata

Montare le uova con lo zucchero, un pizzico di sale e 3-4 cucchiai di acqua bollente, montare molto a lungo fino ad ottenere una massa gonfia e sostenuta. Aromatizzare con la buccia grattugiata del limone, poi incorporare con delicatezza la farina setacciata mescolando dal basso verso l’alto. Versare il composto in uno stampo rettangolare imburrato e infarinato e infornare a 170° per circa 25minuti. Per controllare la cottura infilare uno stecchino al centro della torta: se uscirà asciutto, il pan di Spagna è cotto. Sfornare e mettere su una gratella a raffreddare. 

 


Per la daquoise:

2 albumi

30 gr: di zucchero

50 gr: di farina di mandorle

50 gr: di zucchero a velo

Montate gli albumi con lo zucchero, incorporarvi la farina di mandorle e lo zucchero a velo. Trasferite il composto in un sac-a- poche con bocchetta di circa mezzo cm.

Disegnare su un foglio di carta forno 2 rettangoli da 9 x 25 cm, girarlo e sistemarlo sulla teglia del forno. Con il sac-a-poche riempire i 2 rettangoli facendo dei bastoncini di pasta uno accanto all’altro. Infornare in forno già caldo a 170 per circa 15-20 minuti o fino a che non è leggermente dorato, quindi sfornare e lasciar raffreddare.

 

Per la farcia:

250 gr: di panna

130 gr: di mascarpone

Zucchero a velo per addolcire

Montare la panna, unire il mascarpone e lo zucchero a velo. Conservate in frigo fino al momento di usare. 

 

 

 

Per la ganasce al cioccolato:

150 gr: di cioccolato fondente

120 gr: di panna

Tagliare il cioccolato a pezzetti, scaldare la panna e versarla sul cioccolato, mescolare fino a che il cioccolato è sciolto e fluido, far intiepidire prima di usare.

Per la bagna:

50 gr: di acqua

2 cucchiai di zucchero

1 bicchierino di limoncello

Far bollire l’acqua con lo zucchero e farlo raffreddare, unire poi il limoncello.


Amarene sciroppate

3 cucchiai di marmellata di amarene



Assemblaggio:

Tagliare il pan di Spagna così: 3 strisce da 9 cm, 1 striscia da 6 cm e 1 da 2 cm.

Sistemare la prima striscia su un piatto da portata, spennellarla con la bagna e stendere uno strato di crema alla panna, decorare con le amarene tagliate a metà, coprire con un’altra striscia, bagnarla e spalmare la marmellata di amarene e sopra la crema di panna, coprire con la terza striscia, bagnarla sempre e sopra la crema di panna e amarene tagliate a metà., coprire ora con la striscia di 6 cm, sempre uno strato di crema di panna e amarene e terminare con la striscia più piccola.

Livellare la crema sui bordi per dare la giusta inclinazione al tetto

Ricoprire ora il tutto con la ganache al cioccolato.

Ritagliare ora la daquoise della stessa misura del tetto, appoggiarla sopra incollandola al cioccolato e decorare con la crema di panna rimasta, sistemare ai lati e davanti le finestre e la porta fatti con un po’ di frolla o con dei biscotti secchi.

Una spruzzata di zucchero a velo e in frigo fino al servizio.











sabato 26 dicembre 2020

La tavolozza dei sapori

Un antipasto semplice ma diverso, tutto da gustare anche con li occhi! Un idea simpatica e divertente per aprire un pranzo con amici! 

 

Ingr: x 4 persone

 

4 piadine

Salumi vari

Pecorino

Olive verdi

Grissini

 




Io ho usato piadine già pronte niente toglie però che si possano fare in casa.

Disegnare su un cartoncino la forma di una tavolozza da pittore, ritagliarla e appoggiando il cartoncino sulla piadina ritagliare tutto intorno con un coltello a punta, compreso il foro interno.

Scaldare una padella antiaderente e mettere le piadine, una per volta, a scaldare, bastano 30 secondi-1 minuto, non devono bruciare.

 

A questo punto si può farcirle. Con le fettine dei salumi, prosciutto cotto e crudo, mortadella salame… formare delle roselline, il formaggio tagliarlo a triangolini magari con una goccia di aceto balsamico… insomma ci si può sbizzarrire come si vuole! Olive, cetriolini, verdure varie… largo alla fantasia!

I grissini fasciarli con un salume, io ho usato il lardo, simulando i pennelli, una volta pronte posizionarle sul piatto e… stupire gli ospiti!!






martedì 22 dicembre 2020

Panettone classico

 

Il mio primo panettone! Tanto lavoro ma ne è valsa la pena!!

Ho preso spunto da qui




 

 

Ingr: per la biga da preparare alle 11 del 1° giorno

100 gr: di farina Manitoba con almeno 350 di forza

50 gr. di acqua tiepida

2 gr: di lievito di birra fresco



Ingr: per il primo impasto da preparare alle 20.00 del 1° giorno

90 gr: di biga preparata la mattina

75 gr: di zucchero semolato

80 gr: di acqua fredda di frigo

85 gr: di burro morbido

85 gr: di tuorli d’uovo

240 gr: di farina Manitoba



Ingr: per gli aromi: *

20 gr: di miele

Scorza di arancia e limone grattugiata

1 cucchiaino di vaniglia


120 gr: di arancia e cedro canditi

120 gr: di uvetta



Ingr: per il 2° impasto da preparare il secondo giorno alle 8.00

Tutto il primo impasto

60 gr: di farina Manitoba

90 gr: di burro morbido

60 gr: di zucchero semolato

80 gr: di tuorli

5 gr: di sale

Uvetta, canditi e aromi preparati il giorno prima

Un pochino di acqua solo se occorre.

 

 


 



Preparazione:

Ore 8.00 del 1° giorno preparare la biga:

Sciogliere il lievito nell’acqua, aggiungere la farina , impastare e formare un panetto, incidere sopra una croce, coprire con pellicola e metterlo a lievitare in forno spento per circa 10 ore.

Pomeriggio del 1° giorno:

Preparare gli aromi:*

Mettere in una ciotolina il miele, la scorza degli agrumi e la vaniglia, mescolare, coprire e mettere in frigo.

Fare a pezzettini i canditi, coprire con la pellicola e mettere in frigo.

Mettere ad ammollare l’uvetta, cambiare l’acqua diverse volte, l’ultima volta mettere del rum tenere ancora circa 1 ora quindi scolarla, asciugarla benissimo tenendola all’aria ad asciugare, quindi coprire e mettere in frigo.


Alle 20.00 circa fare il 1° impasto:

Tutta questa lavorazione va eseguita con la planetaria con il gancio, a mano è tutto più difficile.

Sciogliere la biga nell’acqua, ora questo passaggio è un po’ difficoltoso, io ho risolto mettendo la biga nel mixer insieme a un po’, circa 2 cucchiai, di farina e facendolo andare alla massima velocità, nel giro di pochissimo la biga si frantuma benissimo e si può trasferire il tutto nella planetaria insieme all’acqua, lo zucchero e il resto della farina, lavorare il composto per farlo amalgamare.

A questo punto unire la metà dei tuorli mescolati un po’ con una forchetta e sempre continuando a lavorare unire anche la metà del burro piano piano, aggiungere il resto dei tuorli e dopo che sono stati incorporati anche l’altra metà del burro, sempre a pezzetti e pian piano.

Continuare sempre a lavorare fino a che l’impasto non è bene incordato, quando cioè l’impasto rimane tutto attaccato al gancio e la ciotola rimane pulita. L’impasto a questo punto è bello lucido e tirando un lembo non si rompe ma rimane velato. Per raggiungere questa fase ci vuole circa 30-40 minuti di lavorazione stando bene attenti a non far scaldare troppo l’impasto che infatti non dovrebbe superare i 26 gradi, per ovviare a questo io metto una fascia con giaccio.

 

 


 

 


 

 

 

 

 

 

 

Quando l’impasto a raggiunto la giusta incordatura togliere la ciotola della planetaria, coprire con pellicola e mettere in forno spento con la luce accesa e, perché non “prenda freddo” coprire con una copertina, l’impasto infatti deve triplicare il suo volume.



Alle 8.00 circa del 2° giorno fare il secondo impasto:

Togliere dal forno la ciotola con l’impasto e controllare che sia triplicato, se così è possiamo andare avanti se invece ancora non lo è aspettiamo ancora, deve assolutamente triplicare.

Quando è tutto ok mettere la ciotola in frigo a raffreddare per circa 30 minuti.

Trascorso questo tempo cominciare con il secondo impasto, agganciare la ciotola alla planetaria e versare la farina, gli aromi preparati il giorno prima e cominciare ancora una volta ad impastare.

Versare poco per volta lo zucchero, farlo amalgamare e unire la metà dei tuorli, sempre mischiati con una forchetta e sempre continuando ad impastare, unire il sale e l’altra metà dei tuorli, quando è tutto ben amalgamato, unire anche il burro morbido piano piano a più riprese.

A questo punto se l’impasto fosse troppo duro unire un pochino di acqua, finora però non è mai successo, continuare ad impastare fino a che l’impasto avrà raggiunto una consistenza liscia, lucida e non troppo appiccicosa, va lavorato bene e a lungo, per circa 30-40 minuti.

Quando è ben lavorato aggiungere la frutta candita e l’uvetta, meglio mescolare con le mani che si riesce a distribuire meglio. Rovesciare ora l’impasto sul piano di lavoro unto con olio di semi di mais o girasole, inodore insomma, e lasciarlo riposare coperto con pellicola e a temperatura ambiente per circa 30 minuti.

Trascorso questo tempo pesare la giusta quantità che serve, (per un pirottino da 1kg serve circa 1100 gr: per uno da 750 gr. serve circa 800 gr. Per uno da 500 gr: circa 550 gr.).

Fatta la pesatura ungersi le mani e allungare l’impasto e farli 2 pieghe, tirarlo dall’altra parte e fare ancora 2 pieghe, poi passare a pirlare il composto, cioè arrotondarlo facendolo girare tra le mani, appoggiato sul piano di lavoro e cercare di dare una forma sferica, in questo modo si ottiene una crescita regolare durante la lievitazione, lasciar riposare ancora 15 minuti, pirlare ancora e mettere nel pirottino.

 

 



 

Coprire lo stampo con la pellicola e mettere ancora una volta a lievitare in forno spento ma con la luce accesa, lasciar lievitare fino a quando l’impasto non raggiungerà 1 cm dal bordo, ci vorranno circa 6-8 ore.

Arrivati a questo punto tirare fuori dal forno, togliere la pellicola e lasciare all’aria per circa 20 minuti.

Accendere il forno statico a 170 .

Con un coltellino molto affilato fare un taglio a croce, alzare i 4 lembi, mettere al centro 2 fiocchetti di burro e richiudere.

Infornare ora il panettone e lasciarlo cuocere; anche qui dipende dalla pezzatura, se di 1k circa 50-55 minuti, se 750 gr circa 45-50 minuti, se 500 gr. Circa 30-35 minuti, fare comunque la prova stecchino.

Quando è cotto toglierlo dal forno, fare 2 buchini con un taglierino o altro oggetto affilato, infilzare con 2 spiedini di legno, capovolgerlo e lasciarlo sospeso a testa in giù per circa 10 ore, deve completamente raffreddare.

 

 


 

A questo punto mettere il panettone in un sacchetto per alimenti ben chiuso, si conserverà per circa 10 giorni.



*Per gli aromi ho usato questo:

Ingredienti
50 gr di acqua
60 gr di zucchero semolato
3 gr di sale
60 gr di miele di acacia
40 gr di sciroppo di glucosio
50 gr di arancia candita in cubetti
30 gr di cedro candito in cubetti
La scorza di un limone grattugiata
La scorza di un arancia grattugiata
Un cucchiaino di estratto di vaniglia
Un cucchiaio di rum 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

Scaldare acqua e zucchero e fare uno sciroppo. Una volta intiepidito, versare il miele e il glucosio.

Frullare benissimo i canditi, unire anche la scorza grattugiata, unire anche il rum e mescolare il tutto allo sciroppo ormai freddo.

Versare in un barattolo di vetro e mettere in frigo.

Per il panettone ne ho messo un cucchiaio bello colmo. 

Naturalmente serve anche per insaporire anche altri dolci.

 

 

 

 

 

 

sabato 12 dicembre 2020

Spiedini di pane alla salvia

Un antipasto insolito e molto gustoso!  



Ingr:

1 baguette

6 piccole scamorza, metà dolci e metà affumicate

15-16 foglie di salvia

1 cipollotto fresco

1 mazzetto di prezzemolo

Sale






Mettere le scamorze in freezer per circa 30 minuti.

Preparare l’olio aromatico: Tritare il cipollotto insieme al prezzemolo, metterlo in una ciotolina, salare e versare 7-8 cucchiai di olio extravergine di oliva, mescolare e mettere da parte.

Tagliare a fette la baguette. Togliere le scamorzine dal congelatore e affettarle.

Preparare gli spiedini: infilzare su spiedini di legno una fetta di pane, una foglia di salvia e una fetta di scamorza, ripetere per tre volte. Irrorare gli spiedini con l’olio aromatico preparato e infornare in forno già caldo a 180 per circa 5 minuti.

Servire caldi.





 

domenica 6 dicembre 2020

Riso al forno alla parmigiana

 

Un riso al forno filante, saporito e profumato! 

 

Ingr:

 

300 gr: di riso Carnaroli

1 melanzana

1 provola

200 gr: di passata di pomodoro

1 cipolla

Parmigiano grattugiato

1 mazzetto di basilico

Brodo vegetale q.b.

 

 

Tagliare a dadini la mozzarella e saltarle in una padella con poco olio e a fiamma vivace, salarle e finire di cuocere .

Tritare la cipolla, farla rosolare in un tegame con l’olio e una volta imbiondita versarvi il riso, farlo tostare e versare la passata di pomodoro, salare e finire di cuocere aggiungendo man mano il brodo vegetale bollente. A fine cottura unire anche le melanzane già cotte lasciandone da parte un po’,il basilico a pezzetti, versare anche il formaggio e mantecare.

Ungere una pirofila da forno, versarvi la metà del risotto e cospargere con la metà della provola tagliata a dadini, coprire con il risotto rimasto quindi distribuire sopra le melanzane messe da parte, e l’altra metà della provola, ancora una bella spolverata di parmigiano e infornare in forno già caldo a 170 per circa 15-20 minuti, deve fare la classica crosticina.

Sfornare, far intiepidire una decina di minuti e servire.










domenica 29 novembre 2020

Arista farcita con pecorino e finocchiona

 

Arista farcita con due ingredienti tipicamente toscani: la finocchiona e il pecorino! 

 


Ingr:


800 gr: circa di arista di maiale

200 gr: di finocchiona

200 gr: di pecorino

1/2 bicchiere di vino bianco

2 spicchi d'aglio

1 rametto di rosmarino

Sale e pepe

 


 

Praticare nella carne, nel senso della lunghezza, 5-6 tagli profondi arrivando fino a meno di 1 cm dalla base, formando cioè dei fogli come fosse un “libro”, salare un poco e farcire ogni “foglio” con le fette di finocchiona e le fette di pecorino. 

 

 


 

Legare la carne molto stretta, salare e pepare anche in superficie e mettere in un tegame a rosolare con 4-5 cucchiai di olio, due spicchi d'aglio, un rametto di rosmarino e uno di salvia. Una volta che l'arista è ben rosolata versarvi il vino bianco, farlo evaporare, coprire e lasciar cuocere a tegame coperto per circa 1 ora.

Lasciar quindi leggermente raffreddare, affettare e servire.










sabato 21 novembre 2020

Biscotti funghetti

 

Biscotti simpaticissimi, visti in rete e subito rifatti, oltre che buoni veramente carini!






Ingr:

Pasta frolla

250 gr: di farina

120 gr: di burro

120 gr: di zucchero

1 uovo

Buccia di limone grattugiata

40 gr: di zucchero

2 cucchiai di zucchero

100 gr: di cioccolato fondente

 


 

Fare la frolla impastando con le mani il burro, la buccia grattugiata del limone, lo zucchero e la farina con il lievito, formare come delle grosse briciole, aggiungere poi anche l'uovo e finire di impastare, formare un panetto, avvolgerlo nella pellicola e metterlo in frigo almeno 1 ora.

Riprendere la frolla e formare delle palline da 10 gr circa che serviranno per fare il cappello e tante altre palline ma questa volta più piccole di circa 7 gr.

Le palline più grandi una volta pronte sistemarle su una placca da forno, fare un buchino, un incavo, al centro pigiando con un dito o con un manico di un mestolo, inserire nel buchino un pezzetto di carta forno o alluminio e girarle sotto sopra, la carta sotto per intenderci.

Le palline più piccole allungarle con le mani fino a formare il gambo.

 

 

Infornare in forno già caldo a 170 per circa 10 minuti o fino a che non saranno leggermente dorate.

Nel mentre che i funghetti cuociono preparare il caramello.

In un pentolino far sciogliere lo zucchero e portarlo a bollore, farlo addensare un pochino e spengere. Per assemblare i funghetti immergere il lato più piccolo del gambo nel caramello, “incollarlo” con il cappello e far asciugare a testa in giù.

 

 

Nel frattempo sciogliere il cioccolato fondente con un goccino di latte a bagno maria o nel microonde e una volta che i funghetti sono pronti, cioè sono attaccati, bagnare la testa nel cioccolato sciolto, far asciugare e i funghetti sono pronti!





 

 

 

 

domenica 15 novembre 2020

Pizza parigina

 

Di origini napoletane è una pizza con due basi: pasta da pizza e pasta sfoglia con l’interno farcito, questa con pomodoro, prosciutto e scamorza ma il ripieno può variare a piacimento.

 



Ingr: 

 

300 gr: di pasta per pizza

1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare

150 gr: di prosciutto cotto

150 gr: di scamorza

200 gr: di passata di pomodoro

Sale, pepe e un poco di origano





Io questa la faccio quando mi avanza la pasta per la pizza, questa è la mia ricetta, si può anche farla al momento con 200 gr: di farina oppure si può comprare già fatta, comunque quando c’è già la pasta pronta, distenderla sottile e ricavare un rettangolo di uguale dimensioni della pasta sfoglia.

Disporla sulla placca del forno foderata di carta forno e cospargere con la passata di pomodoro condita con sale, pepe e origano, distendere sopra le fette di prosciutto cotto e sopra ancora le fette di scamorza.

Coprire il tutto con la pasta sfoglia, bucherellare la superficie e infornare in forno già caldo a 180 per circa 20 minuti o fino a che non è bella dorata.







lunedì 9 novembre 2020

Tagliatelle con salsa di acciughe

 

Un piatto di pasta veloce e saporito, mentre cuoce la pasta si prepara anche il condimento, perfetto per quando il tempo scarseggia!

 



Ingr:

  

250 gr: di tagliatelle

5 filetti di acciuga

100 gr: di latte

1 ciuffetto di prezzemolo

1 spicchio d’aglio

200 gr: di tonno sott’olio



In una padella con un fondo di olio far soffriggere l’aglio schiacciato e tritato insieme al prezzemolo, un pochino di peperoncino, se piace, e appena l’aglio comincia a imbiondire unire anche le acciughe, versare anche il latte e lasciare che le acciughe si sciolgano a questo punto unire anche il tonno.

Nel frattempo cuocere le tagliatelle in abbondante acqua salata, scolarla e versarla nella padella con il condimento preparato, saltarla per farla ben insaporire e servire immediatamente.








lunedì 2 novembre 2020

Banana bread con cioccolato

Un ottimo dolce per la colazione o la merenda, dal gusto un po’ autunnale...




Ingr:


150 gr: di farina + 50 gr: di farina di mandorle

130 gr: di zucchero

2 uova

1 yogurt

60 gr: di olio di semi

1 cucchiaino di cannella

1 cucchiaino di vaniglia

80 gr: di gocce di cioccolato

1 bustina di lievito

3 banane

Lamelle di mandorle per guarnire





Montare le uova con lo zucchero, la cannella e l’estratto di vaniglia, una volta ben montate incorporare a filo l’olio e lo yogurt, unire ora le farine setacciate insieme al lievito mescolando con una spatola dall’alto verso il basso per non smontare il composto.

Tagliare a cubetti 2 banane, aggiungerle all’impasto insieme alle gocce di cioccolato , amalgamarle, quindi versare il composto ottenuto in uno stampo da plumcake imburrato e infarinato o foderato con carta forno.

Tagliare a strisce la banana rimasta e, mettendone una accanto all’altra, con queste ricoprire il dolce, spolverare con un poco di zucchero e distribuire sopra le lamelle di mandorla.

Cuocere in forno già caldo a 170 per circa 45 minuti o fino a che infilando uno stecchino non uscirà asciutto.

Sfornare il plumcake, lasciarlo intiepidire, sformarlo e lasciarlo completamente raffreddare su una gratella.

Una volta freddo affettare e servire.







lunedì 26 ottobre 2020

Tasca ripiena ai wurstel

 Un secondo molto gustoso dal sapore un po' insolito grazie alla presenza del wurstel.



Ingr:

800 gr: circa di vitello aperto a tasca

100 gr: di prosciutto cotto

100 gr: di wurstel

80 gr: di pane raffermo

2 uova

1/2 bicchiere di vino bianco secco

1 ciuffetto di prezzemolo

1 spicchio d'aglio

Parmigiano grattugiato

Sale e pepe

 


 



Preparare il ripieno: Sbriciolare la mollica di pane, aggiungere il prosciutto cotto tritato, i wurstel tagliati a rondelle, le uova, il prezzemolo tritato insieme all'aglio,sale e pepe, amalgamare il tutto e aggiungere parmigiano grattugiato tanto quanto ne basta a rendere il composto sodo e omogeneo.

Con un coltello affilato e a punta aprire il pezzo di carne ricavando una tasca, operazione che può fare anche il macellaio, salare l'interno, farcire con il composto preparato e chiudere l'apertura cucendo con spago da cucina o con un filo resistente.

Far rosolare la carne in un tegame con l'olio, girandola bene da tutte le parti, sfumare con il vino bianco, farlo evaporare, abbassare la fiamma e lasciar cuocere per circa 1 ora.

Una volta cotta lasciare intiepidire l'arrosto quindi affettare e servire con un po' del fondo di cottura.















lunedì 19 ottobre 2020

Crostini con ricotta e mortadella

 

Semplicissimi e sfiziosi questi crostini! 

 





Ingr:



1 baguette

150 gr: di ricotta

100 gr: di mortadella

40 gr: di granella di pistacchi

Qualche goccia di glassa di aceto balsamico

Sale, pepe e un poco di olio





 

Tagliare il pane a fette regolari, tostarlo e metterlo da parte.

Frullare la ricotta con sale, pepe e olio fino a ridurla in una crema liscia e compatta.

Spalmare ora la crema di ricotta sulle fettine di pane.

Tagliare la mortadella a strisce e sistemarla su ogni fetta cercando di formare una rosellina, cospargere con la granella di pistacchi e una goccia di glassa di aceto balsamico.

I crostini sono pronti!!






lunedì 12 ottobre 2020

Biscotti farciti

Con dei rimasugli di frolla che avevo nel freezer, io non butto mai nulla, ho fatto questi semplici ma deliziosi biscotti!




Ingr:

 

Pasta frolla normale e al cacao

250 gr: di farina
120 gr: di burro
130 gr: di zucchero
1 uovo
1 cucchiaino di lievito
Scorza di limone grattugiata

1 cucchiaio di cacao amaro

 

 




Fare una frolla con tutti gli ingredienti escluso il cacao. Prima di finire di lavorarla, dividere l'impasto a metà, con una parte formare un panetto e metterlo in frigo per mezz’ora a riposare, nell’altra parte amalgamare il cacao lavorato con un cucchiaio di latte, formare sempre il solito panetto, avvolgerlo nella pellicola e lasciarlo anche questo a riposare in frigo per 30 min.

Riprendere la frolla dal frigo, lavorarla brevemente, distenderla con il mattarello e con un coppapasta ritagliare tanti dischetti, con un coppapasta più piccolo forare al centro la metà di essi e infornare in forno già caldo a 170 per circa 10 minuti, devono appena colorare, quindi sfornarli e spalmare i dischetti interi con nutella, come ho fatto io, oppure marmellata, crema...

Con la frolla al cacao procedere nello stesso modo, per un effetto visivo quelli al cacao li ho farciti con una crema al cioccolato bianco.






martedì 6 ottobre 2020

Corona di riso con piselli, gamberi e salsa allo zafferano

Un classico il riso con piselli e gamberi che io l'ho ulteriormente arricchito con una deliziosa salsa allo zafferano!

 




Ingr:

350 gr: di riso carnaroli

1 piccola cipolla

½ bicchiere di vino bianco secco

Brodo

300 gr: di code di gamberi

200 gr: di piselli

Per la salsa allo zafferano:

100 ml di brodo vegetale

Il succo di 1/2 limone

1 bustina di zafferano

2 cucchiai di olio extravergine di oliva

1 puntina di amido di mais

 




Per prima cosa preparare un brodo vegetale con tutti gli odori del caso.

Rosolare la cipolla tritata in una casseruola con un filo di olio per 5-6 minuti, versando qualche cucchiaio di brodo caldo, unire poi il riso, farlo tostare per 2-3 minuti mescolando spesso, irrorare con il vino bianco e lascialo completamente evaporare. Salare, pepare e versare 2-3 mestoli di brodo caldo mescolando ancora, continuare a versare il brodo ogni volta che il precedente sarà evaporato.

Nel frattempo, scaldare una noce di burro e 2 cucchiai d'olio in una padella antiaderente, unirvi i piselli e farli cuocere unendo un po' di brodo quando occorre.

Sgusciare i gamberi lasciando le codine, togliere il filino nero e versarli nella padella con i piselli facendoli saltare per 2-3 minuti.





Per la salsa: in una padellina versare l’olio, il limone, aggiungere la bustina di zafferano e farla sciogliere, quindi l'amido di mais, mescolare bene con una frusta per addensare la salsa senza creare grumi, versare anche il brodo vegetale continuando a mescolare, regolare di sale e pepe e cuocere per qualche minuto finché il sugo diventerà cremoso.

Ungere uno stampo a ciambella, versarvi il riso, pressarlo con un cucchiaio, quindi sformarlo su un

piatto da portata e riempire il foro con i gamberi e piselli, versare sopra la salsa allo zafferano e servire.







 

domenica 27 settembre 2020

Crostata con ricotta e latte condensato


Ora che il tempo è più fresco si può anche riaccendere il forno!!




Ingr:


Per la frolla:

300 gr: di farina

150 gr: di burro

150 gr: di zucchero

1 uovo e 1 tuorlo

1 cucchiaino di lievito

Buccia di limone grattugiata


Per la farcia:

400 gr: di ricotta

150 gr: di latte condensato

1 uovo

Buccia grattugiata di limone

 


 


Fare la frolla impastando con le mani il burro, la buccia grattugiata del limone e la farina con il lievito, formare come delle grosse briciole, aggiungere lo zucchero, l'uovo e il tuorlo e finire di impastare, formare un panetto, avvolgerlo nella pellicola e metterlo in frigo almeno 1 ora.

Preparare la farcia: lavorare bene la ricotta con il latte condensato, la buccia grattugiata del limone e anche un po' di succo, unire anche l'uovo e amalgamare bene il tutto.

Stendere la frolla e rivestire uno stampo da crostata, imburrato e infarinato, rifilare la pasta in eccesso e bucherellare il fondo con una forchetta, stendere anche la pasta avanzata e formare tante striscette.

Versare ora la crema di ricotta nel guscio di frolla, rifinire la crostata con le strisce di frolla e infornare in forno già caldo a 170 per circa 30 minuti, se dovesse scurirsi troppo coprire con un foglio di alluminio. Lasciar raffreddare completamente prima di sformare.



 

venerdì 18 settembre 2020

Insalata di riso messicana

Prima che finisca l'estate, altra insalata di riso!

Alla messicana questa volta!!

 

 

Ingr:

250 gr: di riso

1 peperone rosso

200 gr: di fagioli rossi

100 gr: di mais

2 carote

1 scatoletta grande di tonno

1 cipolla di Tropea

1 mazzetto di prezzemolo

1 peperoncino fresco

Sale e olio



Lessare il riso, a metà cottura unire anche le carote tagliate a dadini, scolarlo, passarlo sotto un getto di acqua fredda, e lasciarlo raffreddare.

Scolare i fagioli dall'acqua di conservazione, sciacquarli i metterli in una ciotola, unire anche il mais, sempre sciacquato e scolato.

Tagliare il peperoncino a pezzettini piccolissimi, la cipolla a rondelle sottili, tagliare a striscioline anche il peperone, quindi salare le verdure, unire anche il riso, il tonno, i fagioli e il mais. Condire con l'olio e amalgamare il tutto, cospargere con del prezzemolo tritato, lasciare insaporire al fresco e servire.






 

mercoledì 9 settembre 2020

Bresaola con zucchine marinate

Un piatto fresco e leggero ma non per questo meno gustoso! Ideale per rimettersi in forma dopo le vacanze!



Ingr:

 

100 gr: di bresaola

4 zucchine lunghe

2 limoni

1 mazzetto di prezzemolo

Sale e pepe

Olio extravergine di oliva





Pulire, lavare e affettare molto finemente le zucchine. Mettere a bollire l’acqua con il sale e succo di un limone, quando bolle versarvi le rondelle di zucchine, far riprendere il bollore e e dopo 2 minuti scolarle, passarle velocemente sotto il getto di acqua e lasciarle scolare e raffreddare.

Grattugiare la buccia del limone rimasto e metterla da parte, spremerlo e con il succo ottenuto fare una citronette con olio e sale e un pochino di pepe, sbatterla bene con una forchetta e con questo condirci le zucchine.

Disporre le fette di bresaola su un piatto da portata, posizionare al centro le zucchine, cospargere con la buccia di limone grattugiata e il prezzemolo tritato, tenere in frigo fino al momento di servire.





 

sabato 29 agosto 2020

Insalata Caesar salad


La Cesar salad è una delle insalate più famose al mondo, ci sarà una ragione mi sono chiesta! L'ho provata e... è veramente buona!! 

 


Ingr:

1 cespo di insalata romana

1 petto di pollo a fettine

2-3 fette di pane

Scaglie di parmigiano

1 yogurt magro

100 gr: di maionese

Salsa Worcestershire

Sale e olio extravergine di oliva




Lavare l'insalata. spezzettare con le mani le foglie, magari quelle del centro più dolci e croccanti, e metterle in un insalatiera capiente.

Cuocere le fettine di pollo su una griglia o su una padella antiaderente, tagliarle a striscioline e mettere da parte.

Preparare la salsa: mescolare la maionese con lo yogurt, regolare di sale e aggiungere qualche goccio di salsa Worcester.

Grigliare il pane, tagliarlo a cubetti e saltarlo in padella con un filo d’olio extravergine e un pizzico di sale, farlo raffreddare.

Assemblare ora l'insalata: Nella ciotola dell'insalata unire il filettini di pollo, il parmigiano a scaglie, i cubetti di pane, condire con la salsa preparata e servire.






Related Posts with Thumbnails