.

.

giovedì 8 settembre 2011

Sedani ripieni alla pratese


Questa è un’antica ricetta di cui non si conoscono le origini, è uno dei piatti tipici della cucina pratese, prelibatezza che richiede una lunga preparazione e che viene cucinata per tradizione l'8 settembre, festa della Madonna della Fiera.



Il sedano è stato largamente coltivato nel pratese sin dal Cinquecento e l'ingegno delle cucine convenutali ha sviluppato questo ricco piatto partendo da un umile ortaggio. E come le loro stoffe dimostrano, i pratesi son sempre stati bravi ad esaltare quanto avevano a disposizione.
La pianta di sedano ha bisogno di molta acqua e lo sapevano bene gli ortolani pratesi del Medioevo, che annaffiavano abbondantemente le loro piante, attingendo l’acqua dal Bisenzio.
I cuochi pratesi poi, con la loro fantasia, hanno creato un delizioso ripieno... ed ecco i sedani ripieni alla pratese.




Ingr:

2 sedani
300/400 gr. di ragù di carne o di pomodoro
Olio extravergine di oliva
Uova e farina per la pastella

Per il ripieno:
300 gr: di carne di vitello macinata
150 gr: di mortadella macinata
1 cucchiaio di prezzemolo tritato
½ spicchio di aglio tritato
2 cucchiai di parmigiano grattugiato
2 uova
Sale e pepe
Noce moscata





Amalgamare bene l’impasto di carne e mortadella insieme al parmigiano grattugiato, all'aglio tritato, al prezzemolo ed alle uova. Aggiustate di sale ed aggiungere una generosa grattata di pepe e di noce moscata.
Pulire bene le costole dei sedani, eliminare i fili dalle nervature e tagliarle in pezzi di circa 6-7cm, scottarle in acqua bollente salata e farle raffreddare. Una volta fredde, farcire le costole con l’impasto e unirle due a due, farcire cioè una costola di sedano e coprirlo con un altro pezzetto, legate quindi i sedani e avvolgerli con del filo bianco.
Infarinarli, passarli nelle uova sbattute e salate, quindi friggerli in abbondante olio caldo. Passare poi i sedani sulla carta assorbente, per togliere l’eccedenza di olio di frittura, In una larga teglia mettere a scaldare il sugo di carne o di pomodoro tenuto un po' liquido, aggiungervi i sedani e farli cuocere lentamente, a tegame coperto e a fuoco lento, girandoli spesso con delicatezza, fino a che i sedani non avranno assorbito il sugo e saranno diventati dei soffici rotoli di un bel colore rosso mattone.








Con questa ricetta partecipo al conte di Federica "La Toscana nel piatto"


14 commenti:

  1. bellissimo piatto che mi appunto di corsa..grazie simmy

    RispondiElimina
  2. mai sentita questa ricetta :O forte però, è bello conoscere le tradizioni di altri luoghi

    RispondiElimina
  3. ciao renza, complimenti per le tue deliziose ricette, vorrei invitarti a vedere il mio blog e a partecipare al mio nuovo contest! ciaoo
    http://lacucinadipaolabrunetti.blogspot.com/2011/09/oggi-il-mio-blog-compie-2-anni.html

    RispondiElimina
  4. ciao Renza!
    questo piatto è incredibile...finalmente una ricetta per gustare il sedano cotto.
    Come tutti i piatti dell'antica tradizione culinaria delle nostre regioni è sostanzioso , ma una volta si può provare e dedicare anche a questo ortaggio un po' più di attenzione.
    complimenti!!
    un bacio

    RispondiElimina
  5. Bellissimi e tanto gustosi questi piatti della tradizione, complimenti Renza!!!!

    RispondiElimina
  6. grazie per avercela mostrata! mai sentita, è molto particolare!

    RispondiElimina
  7. Che ricetta saporita e originale, mi piace!!
    brvissima bacioni

    RispondiElimina
  8. Adoro il sedano e non conoscevo questa ricetta!!
    Mi piacciono le tradizioni!! Grazie per aver condiviso questo splendido piatto!!!
    Un bacione!!!!!

    RispondiElimina
  9. mmm.. dev'essere buonissimo questo piatto!!
    complimenti
    Paola

    RispondiElimina
  10. Non conoscevo questo piatto,hai fatto proprio bene a postarlo grazie .I piatti della trazione
    si dovrebbero riproporre piu' spesso,magari ognuno di noi con qualche ricetta della propria regione.Questo sedano comunque fa venire l'acquolina in bocca anche dopo aver cenato,bravissima.
    Un bacione e buon fine settimana.

    RispondiElimina
  11. Mai visti nulla di simile, dev'essere molto gustoso e la ricetta lo conferma...buon we e alla prossima, ciao.

    RispondiElimina
  12. Che ricetta stupenda ,Renza!valorizzare la tradizione attraverso questo piatto gustoso e saporito,è davvero molto importante,grazie!il sapore deve essere speciale,già i sedani son ottimi,figuriamci con il ripieno ed il sugo!complimenti e una felice domenica

    RispondiElimina
  13. Queste otturazioni sono deliziosi! Mi È possibile aggiungere qualsiasi tipo di formaggio e il sapore di carne è sicuro di essere qualcosa di speciale.

    RispondiElimina

Grazie di essere passati...il vostro commento è molto gradito!

Related Posts with Thumbnails