.

.

domenica 24 febbraio 2013

La Fideuà... ricordi di un viaggio a Siviglia!




 

Complice il brutto tempo e quest'inverno che non ne vuole sapere di finire e che io ho voglia di sole, oggi propongo un piatto che profuma di estate! Un piatto che ho scoperto durante l'ultima vacanza in Spagna, a Siviglia, città splendida di cui sono rimasta entusiasta! Una città affascinante, che fonde in se la cultura islamica e cristiana, dalle piccole viuzze che costituiscono il centro storico, ai grandi parchi ombreggiati, divisa in due dal placido fiume Guadalquivir.
A Siviglia comunque, la parola d'ordine oltre che “cultura” è anche “divertimento” con i suoi tipici locali dove si balla il flamenco, dove si mangiano tapas, passando da un bar all'altro e si beve sangria e tinto de verano. Il carattere e il fascino di Siviglia mi ha catturato da subito, come da subito mi ha catturato la sua cucina, le tapas, la paella e, grande scoperta... la fideuà!!
La fideuà è una specie di paella ma ciò che la differenzia è l'uso della pasta (i fideos) al posto del riso. Inutile dire che una volta tornata a casa, non ho potuto fare a meno di cercare di replicare questa ricetta ma, non è stato mica facile! Prova e riprova, questa volta credo però, di esserci riuscita!!
La fideuà ha, come tutti i piatti tradizionali, molte varianti, a seconda dei luoghi e dei gusti, io l'ho mangiata così e così la ripropongo!

 

Ingr:

350 gr: di spaghettini
500 gr: di calamari
300 gr: di cozze
300 gr: di gamberi
500 ml di brodo di pesce
1 cipolla piccola
2 carciofi
½ peperone rosso
1 manciata di piselli
100 gr: di salsa di pomodoro
2 spicchi d'aglio
1 bicchiere di vino bianco
1 cucchiaino di paprika
1 bustina di zafferano
Olio e sale



 Pulire i gamberi togliendoli la testa e il carapace e con questi scarti e le verdure, sedano carota e cipolla, preparare il brodo.
Pulire anche le cozze e farle aprire in una padella a fuoco vivace con olio, 1 spicchio d'aglio, un poco di prezzemolo e vino bianco, scolarle, filtrare il liquido di cottura e tenerlo da parte.
Pulire e affettare i calamari.
In un teglia capiente, o meglio, in una paellera, rosolare la cipolla e uno spicchio d'aglio, tritati finemente in poco olio. Unire i calamari, sfumare con il vino bianco e lasciar cuocere per circa 15 minuti, spolverare con un cucchiaino abbondanrte di paprika, unire anche i peperoni, i carciofi tagliati a listarelle e la passata di pomodoro, continuare la cottura unendo anche i piselli e per ultimi i gamberi.
Aggiungere ora la pasta, spaghettini spezzati di circa 3 centimetri di lunghezza, mescolando bene per far insaporire il tutto, unire quindi lo zafferano sciolto in un mestolo di brodo, unire anche il liquido filtrato delle cozze e il brodo di pesce, mescolando la pasta come per cucinare un risotto.
A cottura ultimata aggiungere le cozze, ancora un minuto sul fuoco e servire.




 
Con questa ricetta partecipo al contest di Squisito “Viaggio nel gusto”









20 commenti:

  1. sempre e solo conosciuto e mangiato la paella, ma questa fideuà sembra fantastica!
    baci e buona serata
    Alice

    RispondiElimina
  2. Renza anch'io sono andata a Siviglia ma questo piatto non lo conoscevo! Sono un'amante della paella e la faccio spesso ma con la pasta non avevo mai provato, grazie per la ricetta

    RispondiElimina
  3. Non è che sembra buono, di più!
    Oltretutto io e l'Assistente stiamo pensando di andare a Siviglia per il nostro anniversario ;-)
    Bacioni

    RispondiElimina
  4. adoro questi piatti dove c'è profumo di mare!
    e cuocere la pasta come fosse un risotto avrà dato un sapore incredibile!
    ottima ricetta!
    bacioni

    RispondiElimina
  5. Bel piatto, grazie per averlo condiviso con noi!
    Siviglia è bellissima, l'ho vista, ma è stato solo un assaggio come ben diceva la guida. Vorrei tanto ritornare!

    RispondiElimina
  6. Ciao Renza, che splendido piatto, alla faccia della neve che ci affligge! Mi fai sognare addirittura l'estate...
    Baci, e buona settimana

    RispondiElimina
  7. Bellissimo questo piatto,sa proprio di vacanza...buonissimo!

    RispondiElimina
  8. ahhhh con questi gustoso piatto mi fai venire una voglia matta di mare e di estate!!!!!!

    RispondiElimina
  9. Cara Renza, è delizioso, semplice e raffinato. Mi piace! e mi unisco ai ringraziamenti per averlo condiviso, è proprio godurioso solo a guardarlo!!
    un abbraccio, Clara

    RispondiElimina
  10. ma sai che con gli psaghetti spezzati mi attira ancora di più della classica paella? La tua fideuà ha un aspetto magnifico e mette fame già di prima mattina. Un bacio, buona settimana

    RispondiElimina
  11. Ricetta inserita...grazie per la partecipazione!
    Ti aspetto con le prossime ricette...se ti va!
    un bacio

    RispondiElimina
  12. Ah che ricordi della meravigliosa Siviglia il vero cuore della Spagna.questo piatto ti e' riuscito benissimo.Mi salvo la ricetta.Bacioni

    RispondiElimina
  13. Meravigliosa Renza! Le tue ricette mi fanno sempre una gran gola :-))

    Ciaooo

    deevasole/antonella

    RispondiElimina
  14. ma che meraviglia,un piatto che non conoscevo...
    pensa che nel mio paese questa pasta si chiama fidea...bacio,felice nottata:)

    RispondiElimina
  15. una delizia che non conoscevo..
    Auguroni per il contest!!
    baci

    RispondiElimina
  16. che meraviglia, io adoro il pesce e non conoscevo questa ricetta, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  17. Renzo io adoro la Spagna conosco benissimo Madrid, Barcellona e tutto il Nord della Spagna ...mi manca il sud Siviglia in primis, una lacuna che spero di colmare presto, il tuo piatto che tra l'altro non conoscevo mi ha messo voglia di partire subito ;)

    RispondiElimina
  18. non sono mai stata in Spagna, mi piacerebbe visitare Siviglia! Bella e gustosa questa ricetta :)

    RispondiElimina

Grazie di essere passati...il vostro commento è molto gradito!

Related Posts with Thumbnails