.

.

giovedì 31 maggio 2012

Farfalle con crema di zucchine e stracchino


Leggere e veloci queste farfalle! La delicatezza della crema di zucchine e il sapore deciso dello stracchino creano un contrasto di sapori decisamente invitante!


Ingr:

250 gr. di farfalle
3 zucchine
1 piccola cipolla
100 gr: di stracchino
1 limone
 Qualche foglia di menta
Olio extravergine di oliva
Sale


Lavare le zucchine e ridurne due a rondelle e una a bastoncini.
In una casseruola soffriggere la cipolla tritata con un filo d’olio, unire le zucchine a rondelle, le foglioline di menta, salare e cuocere lentamente con il coperchio. Una volta cotte frullarle e tenerle da parte. Intanto friggere nell’olio le zucchine a bastoncini.
Cuocere le farfalle in acqua bollente salata, scolarle, amalgamarle con la crema di zucchine e servirle con fiocchetti di stracchino, i bastoncini fritti di zucchina, la buccia grattugiata del limone e in giro d’olio a crudo.


lunedì 28 maggio 2012

Crostata di fragole


Questa crostata l’ho vista fare anni fa in tv e ogni tanto la ripropongo. È una semplice crostata di fragole ma con una farcitura un po’ particolare… molto, molto gustosa!


Ingr:

Per la frolla:
200 gr: di farina 00 Molino Chiavazza
80 gr: di zucchero
80 gr: di burro
1 uovo
1 cucchiaino di lievito
La scorza di 1/2 limone grattugiata,
1 pizzico di sale.

Per la crema:
250 gr: di latte fresco intero
2 tuorli
25 gr: di farina
 60 gr: di zucchero

Per farcia:
2 albumi
30 gr: di zucchero
30 gr: di amaretti

 Per la guarnizione:
500 gr: di fragole
100 gr: di zucchero
5 gr: di gelatina




Pulire, lavare e tagliare a pezzetti 200 gr: di fragole e metterle in infusione con la buccia del limone.

Preparare la frolla con gli ingredienti indicati, metterla in frigo a riposare per circa un’ora quindi tirarla con il mattarello e foderare uno stampo da crostata.

 Montare a neve gli albumi con lo zucchero e una volta montati unire gli amaretti tritati. Versare questa farcia sulla frolla e cuocere in forno già caldo a 170 per 25 minuti circa.

Intanto che la frolla cuoce preparare la crema pasticcera: Montare i tuorli con lo zucchero, unire poi anche la farina e una buccia di limone, aggiungere piano piano il latte caldo, mettere sul fuoco, far riprendere il bollore e la crema è pronta; con questa crema farcire la crostata appena esce dal forno. Quindi lasciare raffreddare completamente.



Mettere ad ammollare la gelatina per circa 10 minuti in acqua fredda. Frullare le fragole zuccherate e cuocerle per 3 minuti, unirvi la gelatina strizzata e farla sciogliere. Lasciare intiepidire.

Tagliare a pezzetti le fragole rimaste e posizionarne una metà sulla crema fredda, versare sopra un velo di gelatina di fragole e subito decorare con le fragole rimaste.
Terminare spennellando uno strato di gelatina.
 Rimettere in frigo per almeno un'ora prima di servire.


giovedì 24 maggio 2012

Girelle alla rucola

Questa carne, così preparata, l'avevo vista già pronta su un banco di una macelleria, ho provato a rifarla da me, e devo dire che è semplice, veloce e molto gustosa!! E penso, vada bene anche con altri tipo di carne, petto di pollo o di tacchino, vitello..


Ingr:

1 pezzo di lonza di maiale
1 bel mazzetto di rucola
 4 sottilette
½ bicchiere vino bianco secco
Sale e pepe


 Aprire bene in 3 parti la lonza di maiale, appiattirla con il batticarne, salare, pepare e fare uno strato di rucola, sopra ancora mettere le sottilette, una accanto all’altra. Arrotolare la carne, infilzarla con degli spiedini per tenerla ferma e tagliarla a fette di 2 cm circa di spessore.





Rosolare le girelle ottenute in una grossa padella con dell'olio, aggiustare di sale e poi sfumare con il vino bianco secco, far cuocere per 15-20 minuti circa e le girelle, con il formaggio che cuocendo ha formato una salsina deliziosa, sono pronte!!





 Con questa ricetta partecipo al contest di Artù “Una ricetta in camBIO" 

 

La mia verdura bio è la rucola raccolta direttamente nel mio orticello!

martedì 22 maggio 2012

Fette biscottate ma... Home made

Siccome la mia colazione del mattino da anni è una tazza di thè e due fette biscottate, ho deciso che era arrivata l’ora che provassi a farle da me! E per fare la prima prova ho scelto le fette di un maestro, Montersino! Queste fette infatti sono tratte dal suo libro “Croissant e biscotti”. Il risultato è stato stupendo!! Niente a che vedere con quelle industriali! Le fette infatti sono venute profumate e croccanti al punto giusto e con la mia marmellata di arance… è una colazione coi fiocchi!!


Ingr:

 640 gr: di farina 00
100 gr: di zucchero semolato
75 gr: di burro
2 Uova
250 gr: di latte
1 cubetto di lievito di birra o una bustina secco
5 gr: di sale



Lavorare nell'impastatrice la farina, le uova, lo zucchero e il lievito di birra o come ho fatto io una bustina di lievito secco, sciolto nel latte tiepido; quando l'impasto sarà omogeneo aggiungere il sale e poco alla volta il burro ammorbidito; lasciare impastare ancora molto bene fino a ottenere un composto liscio, omogeneo ed elastico.
Dividere l’impasto in due parti uguali e disporli in due stampi da plum cake foderati di carta forno o imburrati per bene. Mettere a lievitare in un luogo caldo (circa 28°C, io l’ho messo al sole che oggi era caldino, oppure si può usare il forno spento con la luce accesa) fino a che il volume non sarà raddoppiato.
Coprire gli stampi con la carta d’alluminio per evitare che si coloriscono troppo in cottura e infornare in forno preriscaldato a 180°C per circa 30 minuti facendo comunque prima la prova stecchino.
A fine cottura togliere dagli stampi, lasciare raffreddare completamente e tagliare a fettine dello spessore di ½ centimetro (io le ho fatte la sera e le ho tagliate la mattina dopo).
Mettere quindi le fette a tostare in forno a 150°C fino a renderle croccanti per circa 15 minuti.


Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Debora "I love home made"


domenica 20 maggio 2012

Lumaconi farciti al tonno


I lumaconi sono una pasta che si presta benissimo ad essere farcita, anche se non proprio facilmente, questo è un ripieno un po’ insolito ma davvero stuzzicante!! Da presentare anche in versione finger food!!


Ingr:

250 gr: di pasta formato lumaconi
2 cipolle bionde
1 scatoletta di tonno da 400 gr:
3 cucchiai di capperi
2 acciughe
1 cucchiaio colmo di farina
1 bicchiere  e ½ di latte




Affettare sottilmente le cipolle e tenerle a bagno nel latte per un po’ di tempo, mezz’ora circa, per far si che si addolciscano un poco. Metterle quindi in padella con un filo d’olio e farle rosolare senza fargli prendere colore, aggiungere le acciughe, lavate e private del sale e ridurle in poltiglia con una forchetta, unire anche i capperi tritati e finire di cuocere.
Quando la cipolla è cotta aggiungere il tonno sbriciolato, far insaporire e spolverizzare con la farina, quindi versare il latte e mescolare per fare addensare, praticamente deve venire quasi come una besciamella.


Preparare anche un sugo di pomodoro con uno spicchio d’aglio e delle foglie di basilico, farlo bollire per pochi minuti ed è pronto.
Nel frattempo lessate i lumaconi, scolarli quando sono ancora al dente e metteteli ad asciugare su di un telo da cucina. Riempire i lumaconi con il composto ottenuto, aiutandosi con un cucchiaino.
Spargere un poco di sugo al pomodoro sul fondo di una pirofila da forno, allinearvi i lumaconi, condirli ancora con del sugo e infornare a forno già caldo a 170 per circa 20 minuti, coprendo con un foglio d’alluminio perché non coloriscano troppo.

Molto adatti anche da presentare singolarmente su di un cucchiaio, in versione finger food
Io li ho serviti su questo set della Mebel



Con questa ricetta partecipo al contest di Dauly "Ricette ripiene"


venerdì 18 maggio 2012

Filetti di merluzzo in bellavista


Anche il più umile dei filetti di merluzzo così “impreziosito” diventa, oltre che più presentabile, anche più gustoso!!



Ingr:

4 filetti di merluzzo, anche surgelati
150 gr: di zucchine
150 gr: di carote
1 piccola cipolla
1 ciuffo di basilico e prezzemolo
½ bicchiere di vino bianco secco
Olio extravergine di oliva
 Sale e pepe

 Per l’insalata di pomodori:
4 pomodori maturi e sodi
50 gr: di olive nere
4 cucchiai di olio extravergine di oliva
1 cucchiaino di aceto bianco
1 mazzettino di erba cipollina
Sale


Pulire e lavare le zucchine e le carote e tagliarle a rondelle e farle scottare per circa 1 minuto in acqua bollente salata.
Far appassire la cipolla tritata finemente con 2 cucchiai di olio, unirvi anche la metà delle carote e farle rosolare per circa 2 minuti, unirvi anche le zucchine e farle insaporire brevemente; salare e pepare.
Battere leggermente i filetti di merluzzo fra 2 fogli di carta forno inumidita per dargli una forma regolare e per pareggiarli, adagiarli poi in una pirofila spennellata di olio.
Tritare i ritagli ottenuti, unirli in padella alle verdure preparate, unirvi anche del prezzemolo e basilico tritati e un pizzico di sale, far cuocere per qualche minuto e poi tritare il tutto con una forchetta piuttosto grossolanamente e stendere questo composto sopra i filetti pressando un poco.





Distribuire poi sopra ad ogni filetto le rondelle di zucchina e carota messe da parte, sovrapponendole leggermente e alternando i colori fino a formare come delle squame,versarvi un filo di olio sopra, aggiungere anche il vino, coprire con carta alluminio ed infornare in forno preriscaldato a 180 per circa 15 minuti quindi togliere l’allumino far cuocere ancora 5 minuti.
Ho accompagnato questi filetti con un’insalata di pomodori e olive: far scottare per 30 secondi i pomodori in acqua bollente, privarli della buccia e dei semi e tagliarli a dadini, aggiungervi le olive tagliate a pezzettini, l’erba cipollina tritata, l’olio, un cucchiaino di aceto, sale e pepe.



mercoledì 16 maggio 2012

Polpettine con salame e pecorino


Polpettine semplici e saporite! Un modo molto gustoso per riciclare il pane raffermo!



Ingr:

250 gr: di pane raffermo
1 uovo
100 gr: di pecorino grattugiato
100 gr: di salame
1 patata
½ cipolla
1 mazzetto di basilico e prezzemolo
50 gr: circa di farina
Olio extravergine di oliva
Sale





Mettere ad ammollare il pane raffermo nell’acqua.
Lavare la patata, cuocerla in acqua salata, quindi pelarla e schiacciarla con una forchetta.
Tritare finemente la cipolla e farla appassire in una padella con un filo di olio per qualche minuto, aggiungendo un pochino di acqua per farla finire di cuocere.
Strizzare bene il pane ammollato e sbriciolarlo in una ciotola, unire la patata e la cipolla, aggiungere anche l’uovo, il basilico e il prezzemolo tritati, il salame a pezzettini e il pecorino grattugiato, salare, amalgamare bene lavorando l’impasto con le mani e con le mani inumidite formare tante polpettine, passarle nella farina e, a questo punto si possono friggere, o come ho fatto io che non friggo quasi mai, le ho cotte in forno per circa 30 minuti.
Buone lo stesso e molto più leggere!



domenica 13 maggio 2012

Torta “Giardino di fragole” di Montersino


Recentemente ho comprato il libro “Peccati di gola” e per prima cosa ho sperimentato questa torta così fresca e colorata. Rispetto alla ricetta di Montersino ho dimezzato le dosi, eccetto che per il pandispagna che se avanza non è un problema. Che dire di questa torta? La lavorazione è lunga, anche se si può fare a tappe, ma credetemi è una torta che ripaga… gli occhi e il palato!!




Ingr:

Per il pandispagna:
175 gr: di zucchero
150 gr: di farina 00
50 gr: di fecola di patate
5 uova
1 bacca di vaniglia

Per prima cosa preparare il pandispagna, io l’ho preparato il giorno prima e ho usato questo metodo: Scaldare leggermente le uova e lo zucchero in un pentolino, mescolando con una frusta, fino a raggiungere 40-45 gradi, per chi non ha termometro basta contare fino a 30. Versare in una ciotola il composto e montarlo con le fruste fino a che non diventa chiaro e spumoso, incorporare quindi la farina miscelata con la fecola e la vaniglia, mescolando dall’alto in basso e versare il composto in una teglia imburrata e infarinata. Infornare in forno già caldo a 170° per circa 20 minuti.






Per la meringa italiana:
 85 gr: di albume
150 gr: di zucchero
30 gr: di acqua

Inserire nella planetaria gli albumi e iniziare a montare a velocità media. Nel frattempo, in un pentolino, far sciogliere lo zucchero con l'acqua, portandolo ad una temperatura di 121°. A quel punto, dice Montersino, gli albumi avranno raggiunto i ¾ del montaggio; cominciare a versare a filo lo sciroppo di zucchero e continuare a montare a velocità massima fino a che il composto non sarà bianchissimo e soffice e la meringa sarà a temperatura ambiente. Mettere in una ciotola e tenere da parte, anche nel congelatore.

Per la gelè allo yogurt:
500 gr: di yogurt intero
150 gr: di zucchero
15 gr: di gelatina in fogli
Qualche goccia di succo di limone

Scaldare una piccola parte di yogurt con alcune gocce di succo di limone e lo zucchero, mescolare per farlo sciogliere, versare poi la gelatina già ammollata e ben strizzata e versare quindi il restante yogurt. Prendere uno stampo quadrato (ma anche uno tondo va bene). Mettete sul fondo la pellicola tirandola bene, chiudere lo stampo facendo in modo che la pellicola sia ben tesa e foderare i lati con dei fogli di acetato. Prendere delle fragole tagliarle a rondelle e metterle sul fondo in maniera casuale. Versare sopra la gele' allo yogurt e mettere in freezer fino a congelamento.



Nel frattempo preparare la mousse di fragole:
500 gr: purea di fragole
20 gr: di gelatina in fogli
500 gr: di panna montata
250 gr: meringa italiana

 Montare la panna zuccherandola a piacere. Mettere la gelatina ad ammollare in acqua fredda. Pulire le fragole tenendone da parte qualcuna tra le più belle per la decorazione finale e frullare le rimanenti ottenendo una purea. Scaldare un po’ di frullato di fragole in un pentolino e scioglierci dentro la gelatina precedentemente ammollata e ben strizzata . Versare il composto nel resto della purea di fragole, mescolando bene, versarla poi gradualmente nella meringa mescolando dal basso verso l’alto per non smontare il composto e in ultimo incorporate delicatamente anche la panna montata.



Per la bagna al limoncello:
150 gr: di acqua
150 gr: di zucchero
30 gr: di limoncello

Bollire acqua e zucchero per un minuto, lasciare intiepidire e versarci il limoncello. Togliere dal freezer lo stampo con lo strato di yogurt e fragole. Riempire una sacca da pasticceria con bocchetta tonda con la mousse di fragole e fare uno strato di mousse sopra la gelè di yogurt. Adagiare sopra uno strato di fette di pan di spagna, oppure come ho fatto io che ho tagliato in due il pan di spagna che avevo fatto nello stesso stampo, spennellare quindi con la bagna al limoncello, ancora uno strato di mousse di fragole, coprire con altro pan di spagna e altra bagna al limoncello. A questo punto rimettere nel freezer fino a congelamento completo circa 2 ore.




Estrarre la torta dal freezer, capovolgerla sul piatto da portata, eliminare la pellicola e l’acetato, aspettare qualche minuto e con una spatola spargere sopra la gelatina neutra, per renderla ancora più bella si può rifilarla lungo i bordi con un coltello a lama lunga. Questa operazione Montersino consiglia di farla a torta congelata e lasciata poi 5-10 minuti a temperatura ambiente.
Mettere quindi la torta in frigo per qualche ora tenendola un'ora a temperatura ambiente prima di servirla. Decorare con fragole intere e granella di pistacchio.




Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Paola 

 

venerdì 11 maggio 2012

Sushi…il mio sushi!


Ho mangiato il sushi in un ristorante giapponese una sola volta e, per dire la verità, non è che mi sia piaciuto tanto! Ho voluto però provare a rifarlo a casa “italianizzandolo” usando cioè ingredienti italiani, quindi più facile da preparare e più adatto ai miei gusti occidentali!… diciamo esperimento riuscito!! Ma preferisco sempre il cibo di gusto italiano!


 
Ingr: 150 gr: di riso 
Filetti di tonno 
2 uova 
1 zucchina
6 cucchiai di aceto di riso 
2 cucchiai di sale
3 cucchiai di zucchero 
2 fogli di alga nori 




Per prima cosa lessare il riso (io ho usato un riso per sushi che ho trovato al super). Lavare accuratamente il riso per togliergli l’amido e sciacquarlo accuratamente finchè l’acqua non è chiara metterlo a scolare in uno scolapasta per circa mezz’ora. Quindi pesarlo e metterlo in una casseruola antiaderente con acqua due volte superiore al peso del riso, io ho usato 150 gr: di riso e 300 di acqua, portare a ebollizione, coprire e cuocere a fiamma bassissima per circa 10 minuti. A fine cottura spengere il fuoco e lasciare riposare il riso, coperto, per 15 minuti. Intanto versare in un pentolino 5 cucchiai di aceto di riso o come ho fatto io di mele, 1 cucchiaio di zucchero e 2 cucchiaini di sale, tenere sul fuoco finche zucchero e sale si sono sciolti e lasciare raffreddare.
Versare il riso in una ciotola e allargarlo con un cucchiaio inumidito, poi spruzzarlo con un po' dello sciroppo di aceto preparato. Continuare a unire lo sciroppo e a mescolare il riso; in questo modo si raffredda più velocemente e assorbe bene lo sciroppo. Procedere così finché si presenterà lucido, colloso e compatto. Coprirlo con un panno umido per mantenerlo morbido e usarlo in giornata.
 Questo riso è la base del sushi e serve per preparare sia le palline (nigiri sushi) sia gli involtini (norimaki sushi), che vanno poi farciti secondo la ricetta scelta. Io ho scelto di farcili con frittata, zucchina e tonno ma non tonno crudo, mi dispiace ma non posso proprio mangiare il pesce crudo, ma ho usato filetti di tonno sott’olio.
Stendere l’alga nori sull’apposita stuoietta (io non l’avevo ho usato una tovaglietta di bambù ) inumidire i bordi con l’acqua, con un cucchiaio inumidito prelevare piccole quantità di riso, che risulterà molto appiccicoso, e schiacciare bene sull’alga.
Sistemare al centro 1 bastoncino di frittata, 1 di zucchina e il filetto di tonno. Aiutandosi con la stuoia incominciare ad arrotolare l'involtino racchiudendo bene all'interno dell'alga il ripieno. Continuare ad arrotolare premendo leggermente con le mani. Per chiudere bene, inumidire un poco il bordo finale dei fogli di alga.
 Compattare bene il rotolo e metterlo in frigo, al momento di servire, bagnando via via la lama di un coltello affilato, tagliare il rotolo a fettine di circa 1cm, e servirlo con salsa di soia o altre salse a piacere.



mercoledì 9 maggio 2012

Spaghetti integrali con salsiccia e asparagi


Gli asparagi.. una prelibatezza primaverile abbinata questa volta alla salsiccia! Beh! Un piatto che mi ha conquistata!



Ingr:

250 gr: di spaghetti integrali
300 gr: di asparagi
100 gr: si salsiccia
1 cipolla
3 cucchiai di olio
Formaggio grana grattugiato
Sale e pepe




Privare la salsiccia della pelle, sbriciolarla, farla rosolare in una padella antiaderente facendola dorare leggermente, scolarla e tenerla da parte.
Tagliate la parte più dura degli asparagi, pelarli, lavarli, tagliare le punte e dividere i gambi a rondelle; sbucciare la cipolla e tritarla finemente.
In un tegame con l’olio far appassire la cipolla senza lasciarla colorire, aggiungere le rondelle di asparagi e farli rosolare per pochi minuti: salare e pepare, versare un mestolino di acqua e continuare la cottura per circa 15 minuti; a metà cottura unire le punte di asparagi tenute da parte.
Frullare circa la metà degli asparagi cotti e unirli poi al resto del condimento. In una pentola portare ad ebollizione abbondante acqua, salarla e cuocervi gli spaghetti, scolarli al dente, condirli con la salsa di asparagi, la salsiccia rosolata e cospargerli con il grana grattugiato. Portare in tavola e servire!




Con questa ricetta partecipo al contest di "Acqua e farina"

lunedì 7 maggio 2012

Una crostata al bacio!


Complice una scatola di Baci che erano quasi scaduti, e non sia mai che si butti tanta bontà, ho pensato bene di fare una crostata al cioccolato usando invece del cioccolato fondente i famosi Baci e siccome ne avanzavano ancora qualcuno li ho messi sopra a mo’ di guarnizione! Non sarà bellissima questa crostata… ma è tanto buona!!



Ingr:

Pasta frolla
200 gr: di panna fresca
100 gr: di zucchero
130 gr: di cioccolato
4 tuorli d’uova
30 gr: di burro
Baci



Fare la frolla nel solito modo impastando 200 gr: di farina, 100 gr: di burro, 100 gr: di zucchero, 1 uovo, buccia di limone grattugiata, una puntina di lievito e un pizzico di sale; impastare il tutto, formare un panetto e metterlo a riposo in frigo.
Stendere la frolla fino a formare un rettangolo. Imburrare e infarinare, oppure foderare con la carta forno uno stampo da plum cake, adagiarvi la frolla facendola risalire anche lungo i bordi, quindi coprirla con un foglio di carta forno e riempirla di legumi secchi o come ho fatto io di avanzi di riso, infornarla in forno già caldo a 170 per circa 20 minuti, quindi a questo punto, togliere la carta con i legumi ed infornarla nuovamente per altri 5 minuti.



In un tegamino sciogliere i baci con il burro, unire i tuorli e amalgamarli bene. In un altro pentolino sciogliere lo zucchero con un cucchiaio di acqua e versarlo nel composto di cioccolato lavorandolo con una frusta. Togliere il composto dal fuoco continuando a lavorarlo con la frusta fino a quando risulta spumoso. Montare la panna e unirla alla crema di cioccolato, mescolando dal basso verso l’alto per non smontarla e versare il tutto nel guscio di frolla.
Lasciare riposare la crostata nel frigorifero per almeno qualche ora e prima di servirla decorare con alcuni baci.

sabato 5 maggio 2012

Cupcakes al pomodoro con frosting alla mozzarella


Ecco dei cupckes un po’ anomali! Ala prima occhiata sembrano dolci ma all'assaggio... sono salati!!



Ingr:

120 gr: di farina
50 gr: di latte
50 gr: di olio extravergine di oliva
1 uovo
2 cucchiai di grana grattugiato
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
1 cucchiaino di lievito per torte salate
Origano e basilico
1 pizzico di sale





In una ciotola mischiare la farina setacciata con lievito e il formaggio grattugiato, unire anche il basilico tagliuzzato e l’origano.
In un’altra ciotola sbattere leggermente l’uovo con un pizzico di sale, unire il concentrato di pomodoro, il latte e l’olio, mescolare con cura per far sciogliere il concentrato.
Versare gli ingredienti secchi dentro la ciotola di quelli liquidi e mescolare per amalgamare.
Riempire ora i pirottini di carta per due terzi, io ho usato due pirottini per volta per farli rimanere più in forma e piccoli perchè venissero cupcakes piccolini, da finger food.
Infornare in forno già caldo a 170 per circa 12-15 minuti, fare comunque la prova stecchino.
Lasciar freddare sopra una gratella e nel frattempo preparare il frosting.
Frullare una mozzarella con qualche cucchiaiata di panna fino a che il composto non diventa morbido, versarla quindi in una siringa da pasticceria o in un sac à poche e decorare i cupcakes come fosse panna, a mo’ di ciliegina adagiare sulla sommità mezzo pomodorino rosso e decorare con una fogliolina di basilico.
Buonissimi!! E fanno anche figura!!





Con questa ricetta partecipo al contest di Alexli "Sguardo dolce, sapore salato"



giovedì 3 maggio 2012

Cerchietti irlandesi


Vengono dalla tradizione irlandese questi dolcetti con le mele! Li ho trovati su un librino di biscotti, gustosi e piacevoli a vedersi, sono adatti a ogni momento della giornata, colazione, dopo pranzo, per il tè o per un goloso snack!!



Ingr:

250 gr: di farina
120 gr: di burro
120 gr: di zucchero
1 uovo
1 cucchiaino di lievito
2 mele Golden
zucchero a velo
cannella in polvere per decorare



Fare una frolla impastando tutti gli ingredienti, ottenuto un composto omogeneo farne una palla e farlo riposare in frigo per almeno un’ora.
Sbucciare le mele, tagliarle a pezzettini e farle appassire in una padella antiaderente con un pezzettino di burro e un cucchiaino di zucchero.
Stendere la pasta allo spessore di circa 3 mm, con un coppapasta ricavarne tanti dischetti da 5 cm di diametro.



Con una forchetta schiacciare grossolanamente le mele tolte dal fuoco, farle raffreddare e metterne un cucchiaino al centro della metà dei dischi ottenuti, quindi sovrapporre l’altra metà dei dischi in modo da formare delle coppie. Per far si che in cottura non si aprano inumidire il bordo con un poco d’acqua e pressare bene i due cerchietti sovrapposti.



Sistemare i dolci su di una teglia foderata con carta da forno e cuocere in forno già caldo a 170 per 10-15 minuti circa, devono solo dorare.
Quindi sfornare e mettere a raffreddare su di una gratella. Una volta raffreddati, spolverare con zucchero a velo e cannella.






Con questa ricetta partecipo al contest di Dauly "Ricette ripiene"



Related Posts with Thumbnails